Notizia Oggi

Stampa Home

Trecento studenti al Lux di Gattinara: no al bullismo

Articolo pubblicato il 12-02-2018 alle ore 18:05:16
Trecento studenti al Lux di Gattinara: no al bullismo 3
Trecento studenti al Lux di Gattinara: no al bullismo 3

Musica e danza contro il bullismo a Gattinara. Mercoledì è andato in scena lo spettacolo “Io, tu, noi. Relazioni in crescita”, organizzato dal Provveditorato agli studi di Vercelli nell’ambito del progetto di prevenzione del bullismo del Rotary di Gattinara. Per l’occasione, sono circa trecento gli studenti che hanno preso parte all’iniziativa all’auditorium Lux.

L’evento ha riunito i ragazzi delle scuole elementari e medie cittadine. Sul palco i loro “colleghi”, che si sono esibiti in canti contro il razzismo, mentre i ballerini della scuola “Progetto danza”, hanno reso concreto il problema con un flash mob.

Al centro della manifestazione il progetto contro il bullismo del Rotary di Gattinara, realizzato con alcuni club delle province di Vercelli, Biella, Novara e Vco. «Si tratta di un progetto articolato - commenta Marcello Valli, portavoce del Rotary Gattinara - che ha visto otto studenti, uno del liceo di Gattinara e e gli altri del liceo di Borgosesia, coinvolti in attività di alternanza scuola lavoro. I giovani hanno creato delle performance didattiche, con recite, fiabe e giochi aventi per filo conduttore il bullismo». I giovani si sono esibiti sul palco del Lux ma il progetto è appena iniziato; si recheranno infatti in 28 scuole delle quattro province con le loro perfomance e armati di un kit “anti-bullismo”. «In un momento in cui tutti parlano di cyberbullismo - spiega Valli - noi abbiamo preferito partire dalla prevenzione, puntando sui bimbi delle elementari».

Alla serata hanno preso parte, tra gli altri, la presidente del Rotary Ketty Zampaglione e Laura Musazzo del Coni provinciale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...