Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero, Mosso, Soprana e Valle Mosso presentano il progetto di Comune unico

Il nuovo ente arriverebbe a raggiungere quota 11mila residenti
Articolo pubblicato il 21-12-2017 alle ore 09:11:52
Trivero, Mosso, Soprana e Valle Mosso presentano il progetto di Comune unico 3
Con il futuro Comune unico anche la distribuzione degli uffici municipali sarà da rivedere

Oggi (giovedì 21 dicembre) a Biella, in Città Studi, Trivero, Mosso, Valle Mosso e Soprana presenteranno il progetto di fusione. I sindaci illustreranno i passi che di fatto porteranno alla nascita di un unico ente, un procedimento che entrerà nel vivo nel 2018. Lo ha anticipato qualche giorno fa il sindaco di Trivero Mario Carli: «Ci dobbiamo interrogare seriamente se l’attuale assetto dei nostri enti non sia superato. Con i nostri vicini abbiamo avviato un discorso importante per unire i territori, e certamente il 2018 sarà un anno importante».

Nei prossimi mesi i consigli comunali saranno infatti chiamati ad approvare una apposita delibera che poi sarà inviata alla Regione, da Palazzo Lascaris partirà la richiesta del referendum popolare. Quindi dopo questo passaggio il progetto dovrà passare in consiglio regionale per il via definitivo. Senza troppe lungaggini a partire dal 2019 il nuovo Comune che riunisce Triverese e la valle di Mosso potrebbe diventare realtà.

I sindaci attendono la conferenza stampa di oggi prima di alzare il velo sul progetto. Ma di fatto in questi mesi le varie amministrazioni comunali si sono trovate più volte organizzando anche un piano di lavoro per farsi trovare pronti e presentare tutta la documentazione necessaria in Regione. Il nuovo ente arriverebbe a raggiungere quota 11mila residenti circa. Inizialmente l’idea era partita tra Trivero, Mosso e Valle Mosso, in corso d’opera si è successivamente aggiunta Soprana.

Di fatto i quattro Comuni già collaborano per quanto riguarda diversi servizi, tutti sono uniti per esempio da un’unica polizia locale. Insomma da qualche anno ormai si lavora in sinergia anche su altri progetti, il dialogo è aperto e ci sono le basi per poter far decollare il Comune unico. Oggi le carte verranno scoperte. Bisognerà decidere quale sarà la sede comunale e come verranno gestiti gli altri stabili che oggi ospitano il municipio. Il nuovo ente diventerebbe uno dei Comuni più grandi del Biellese, dietro comunque ad altre realtà come Cossato.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...