Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero ricorda Antonio Barioglio a 10 anni dall'addio

Articolo pubblicato il 05-09-2017 alle ore 12:08:08
Trivero ricorda Antonio Barioglio a 10 anni dall'addio 2
Trivero ricorda Antonio Barioglio a 10 anni dall'addio 2

Antonio Barioglio, il “medico della gente”, è rimasto nel cuore dei triveresi. A distanza di dieci anni dalla sua scomparsa, l’associazione sorta a suo nome propone alla cittadinanza una serata fra informazione e musica. L'appuntamento è in calendario per il 3 novembre al teatro Giletti di Ponzone: ci saranno il dottor Bruno Mazzocchi, che è stato un amico di Barioglio, attualmente responsabile delle cure palliative della Toscana; seguirà un momento dedicato alla musica con il coro Voceversa.

Sarà un’occasione per ricordare un uomo che ha “seminato” molto e la cui eredità è stata raccolta dalla moglie, che ha fondato un’associazione proprio per portare avanti il sogno di Antonio: portare la sanità in casa fin quando sia possibile, in modo da limitare il ricovero in struttura.

«Antonio – ricorda la moglie e presidente dell'associazione Emanuela Zanotti – è mancato il 22 settembre 2007. In suo ricordo è nata l'associazione omonima che prosegue il suo cammino. Oggi sono 55 le famiglie che seguiamo con il supporto di tre operatrici socio assistenziali. Due sono impegnate a seguire queste famiglie e una invece lavora al progetto Pollicino rivolto ai bambini, che sono una dozzina».

L'associazione è all’opera dal febbraio 2009. Il sostegno a domicilio viene svolto all'interno del comune di Trivero. Il progetto Pollicino invece è iniziato a ottobre 2015 ed è dedicato all'infanzia anche ai comuni limitrofi: Mosso, Valle Mosso, Soprana, Mezzana.

 «Le operatrici – continua Zanotti - assistono a domicilio, in forma assolutamente gratuita, gli anziani con gravi patologie aiutandoli nelle attività della vita quotidiana e aiutando le famiglie sia nelle pratiche burocratiche, sia nella formazione della relazione col malato. Si collabora con i servizi territoriali del Cissabo e con il servizio infermieristico della Asl di Biella, oltre che con i medici di base».

Intanto tra le volontarie dell'associazione si è creato il gruppo “Le amiche del giovedì”, che realizzano dei manufatti la cui vendita viene utilizzata dall'associazione. «All'inizio ci si ritrovava in due o tre per fare qualche lavoretto. Poi il numero è aumentato e ora ci diamo appuntamento nel laboratori nella nuova sede di Trivero. Adesso ci vediamo anche il martedì e a volte il mercoledì mattina... Creiamo diversi manufatti che pubblicizziamo su Facebook, e che sono molto apprezzati. Adesso ci servirebbe una macchina da cucire: noi lanciamo un appello, se qualcuno avesse modo di aiutarci...».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...