Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero ricorda la ''maestra Sandra'', morta a 100 anni

La donna da tempo era ospite della casa di riposo ''Reda'' di Valle Mosso
Articolo pubblicato il 26-11-2017 alle ore 12:34:42
Trivero ricorda la maestra Sandra Bosio, morta a 100 anni 3
Teresa Bosio, da tutti conosciuta come la “maestra Sandra”

Solo pochi mesi aveva compiuto cento anni. I più giovani a Trivero non se la ricordano, ma tra chi ha superato gli “anta” sono invece tanti a vederla ancora dietro alla cattedra, in una delle aule della scuola di frazione Rondò. Teresa Bosio, da tutti conosciuti come la “maestra Sandra”, ha cessato di vivere qualche giorno fa all’ospedale di Ponderano. La donna da tempo era ospite della casa di riposo “Reda” di Valle Mosso, dove aveva festeggiato il secolo di vita il 16 maggio. La “maestra Sandra” è stata una figura di riferimento per la scuola triverese dal 1950 in avanti, fino a quando è andata in pensione. E ha sempre insegnato nella scuola elementare in località Rondò a Trivero, chiusa da tempo.

La donna era nata a Saluggia il 16 maggio 1917, in piena prima guerra mondiale. Dopo le scuole elementari, frequentò l’istituto magistrale a Torino, dove si diplomò maestra. Il primo lavoro dietro a una cattedra lo trovò in Valsesia, quando era ancora molto giovane: insegnava in una frazione di Rassa, Rassetta. In Valsesia la giovane insegnante conobbe Leonardo Arienta, e se ne innamorò, ricambiata: ma i due non poterono sposarsi perché scoppiò la seconda guerra mondiale e lui verrà chiamato alle armi e finì anche prigioniero.

Il matrimonio fu poi celebrato nel 1949, quando la coppia si trasferì a Trivero e lei prese a insegnare al Rondò. Dall’unione nacquero due figli: Virgilio, che oggi abita in frazione Botto, e Violetta, che è tornata nei luoghi di origine della madre, a Sant’Antonino di Saluggia. La maestra Sandra restò invece a lavorare a Trivero sino alla pensione. Diventata vedova, da qualche anno era ospite della casa di riposo, anche a seguito della frattura di un femore. E’ sempre rimasta molto lucida, appassionata di lettura.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...