Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero, un milione per rinnovare tutta l'illuminazione pubblica

Si tratta di un intervento in ''project financing''
Articolo pubblicato il 26-08-2016 alle ore 17:23:53
Trivero, un milione per rinnovare tutta l'illuminazione pubblica 2
Un palo della luce a Trivero

Il progetto per rinnovare i punti luce di Trivero ammonta a oltre un milione di euro, ma non sarà il Comune a tirare fuori i sold. Si tratta di un intervento in “project financing”: un privato investe sul bene pubblico e ci guadagna. Era il 2013 quando Trivero mosse i primi passi aderendo al Cev, il consorzio volto a supportare i Comuni soci nella riqualificazione energetica degli impianti di pubblica illuminazione, al fine di migliorarne l’efficienza e diminuendone le emissioni di anidride carbonica. Tale assistenza era garantita senza gravare sul bilancio dell’ente socio, poichè disponibile a sostenersi attraverso il supporto finanziario dei fondi specifici messi a disposizione dall’Unione Europea o accedendo a quelli banditi da organismi nazionali e regionali.

Nel frattempo si è proceduto all’affidamento alla ditta Global Power Service Spa con sede a Verona dell’incarico di predisposizione della progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi di riqualificazione energetica dell’impianto di pubblica illuminazione. A conti fatti, per procedere alla sostituzione delle centinaia di punti luce sparsi in tutte le frazioni servono almeno 805mila euro, a cui vanno aggiunti 296mila euro tra Iva, spese di progettazione, piano di sicurezza e direzione lavori.

Ma non è finito qui. Bisogna infatti anche inserire i 33mila euro per il riscatto degli impianti da Enel: inizialmente l'importo era di 28mila euro, cifra a cui però è stato necessario aggiungere la rivalutazione calcolata sulla base del “deflatore degli investimenti fissi lordi”. Insomma, Trivero non porterà a casa i propri impianti gratuitamente come si era sperato in un primo momento. Inoltre c'è stata una sentenza del Tar che da una parte ha dato ragione al Comune, ma di fatto ha imposto anche il pagamento di una sorta di buonuscita. Ora con il piano economico si cercherà qualche azienda interessata a investire, portando a termine l'intervento e rientrando della somma tramite la gestione e le bollette.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...