Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero, la frazione Bulliana si regala il defibrillatore grazie alla festa

Articolo pubblicato il 30-08-2017 alle ore 12:58:43
Trivero, la frazione Bulliana si regala il defibrillatore grazie alla festa 2
Trivero, la frazione Bulliana si regala il defibrillatore grazie alla festa 2

Più sicurezza a Bulliana: ora la frazione dispone di un defibrillatore semiautomatico. Il merito va al Comitato benefico bullianese, che ha raccolto i fondi necessari. Un risultato ottenuto grazie ai volontari della Summerfest annuale.

«Avevamo pensato di dotare la nostra frazione di un Dae, defibrillatore automatico esterno, elaborando un progetto denominato “Nel cuore di Bulliana” – spiega il presidente Adolfo Marchetti - il progetto comprende in primo luogo l’acquisto, avvenuto nel novembre 2016, di un’apparecchiatura Trainer dae, destinata alla formazione degli operatori all’uso del defibrillatori e donata al comitato di Borgosesia della Croce rossa, affinché lo stesso, tramite il proprio centro di formazione, possa garantire la conoscenza dei protocolli d’uso ai volontari e ai cittadini. In secondo luogo, era previsto l’acquisto del Dae e il suo posizionamento in frazione, a uso pubblico. Acquisto e posizionamento avvenuto a luglio, con l’inserimento dell’apparecchio nel database regionale. Allo stesso tempo si è partecipato al progetto di creare un Comune cardioprotetto, attivato dall’amministrazione comunale. Nel prossimo futuro sarà organizzato il corso di formazione per apprendere il corretto utilizzo del Dae. Il Comitato - conclude il presidente - vuole ringraziare pubblicamente le ragazze e i ragazzi del Summerfest team per il lavoro svolto, tutti i partecipanti e la ditta Italian medical system per il supporto tecnico».

Il Dae è posizionato in frazione Bulliana al numero 77 nella sede dell'Arci e del Comitato benefico, protetto da una teca allarmata e riscaldata nella stagione invernale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...