Notizia Oggi

Stampa Home

Trivero, in un anno ''Mani tese'' ha raccolto 150 tonnellate di materiale riciclabile

L’attività si è articolata lungo diverse direzioni, indagando in particolare le forme di schiavitù moderna
Articolo pubblicato il 11-12-2017 alle ore 16:29:55
Trivero, in un anno ''Mani tese'' ha raccolto 150 tonnellate di materiale riciclabile 2
Volontari e amici di ''Mani tese''

''Mani tese'' fa le cose in grande. Sono più di 150 le tonnellate di materiale riciclabile raccolto e rivenduto per finanziare progetti di solidarietà. Questo il bilancio di un anno di lavoro per il gruppo di Pratrivero, che come di consueto fa i conti dell'attività svolta dai volontari. In particolare, tra l’inizio di novembre 2016 e la fine di ottobre 2017 sono stati raccolti 129.888 chili di ferro e metalli, altri 21.470 chili di vestiario in buone condizioni e lana di materassi. L’utile ricavato dalla vendita di questo materiale, comprese le offerte, è stato di 46.374 euro, che sono stati versati a favore di un progetto portato avanti a Poipet, in Cambogia, a sostegno del centro di accoglienza dei bambini vittime di tratta di essere umani e a rischio di abusi, e a un progetto in India per la prevenzione del lavoro minorile e la promozione dei diritti dei lavoratori dell’industria tessile in Tamil Nadu.

Ma, al di là della raccolta e della vendita di materiali riciclabili, l’attività di ''Mani tese'' si è articolata in parecchie direzioni. Negli ultimi tempi l’azione dell’associazione è stata diretta con particolare attenzione al tema della schiavitù moderna: vale a dire lavoro minorile, traffico di esseri umani e le violazioni nel mondo del lavoro lungo le filiere produttive. In pratica, tutte le forme di deriva del lavoro che, privato di diritti, limiti ed etica, finisce per assomigliare a quel fenomeno che sembra appartenere ai libri di storia, mentre è un fatto di oggi: appunto la schiavitù.

E a proposito di lavoro, ''Mani tese cerca anche di dare il buon esempio'': già da un paio di anni aveva attivato un progetto di lavoro a favore di una persona, e quest’anno questo progetto si è ulteriormente consolidato: il contratto di lavoro a tempo determinato di 12 ore settimanali, è stato trasformato in un part-time di 20 ore settimanali a tempo indeterminato. Nel corso dell’anno che sta per concludersi va anche ricordato lo stage che per una settimana a giugno ha impegnato 28 ragazzi e ragazze delle scuole superiori con momenti formativi sui temi inerenti all’impegno di ''Mani tese'' e al lavoro manuale di raccolta e smistamento materiali riciclabili. E sempre in tema di giovani, a fine agosto una giovanissima volontaria, Stella Gregoletto, ha partecipato al viaggio in Kenya per visitare i progetti di ''Mani tese'' in quella nazione. «Siamo particolarmente lieti per questa scelta - commenta la presidente Maria Facciotto - convinti che l’esperienza da lei vissuta sarà una ricchezza personale ma anche un arricchimento per il nostro gruppo».

E in questi giorni i volontari stanno lavorando per allestire il consueto mercatino equo-solidale proposto dal gruppo nell’imminenza delle festività di fine anno. L’allestimento di prodotti alimentari e di oggetti di artigianato troverà posto al cinericreatorio di frazione Pratrivero. Questi i giorni e gli orari di apertura: sabato 16 dicembre 14-19, domenica 17 9-12 e 14-19.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...