Notizia Oggi

Stampa Home

Troppi furti a Ghemme: il Comune si appella ai cittadini

Il caso
Articolo pubblicato il 21-12-2017 alle ore 17:28:58
Troppi furti a Ghemme: il Comune si appella ai cittadini 2
Il fuoristrada della Protezione civile rubato

A Ghemme non se ne può più ladri. Questi sembrano essersi accaniti in particolar modo col Comune. Dopo il furto di rame dal tetto del cimitero, stavolta è toccato al fuoristrada della Protezione civile, rubato qualche sera fa nel cortile del municipio e ritrovato semidistrutto in un vigneto sul retro del centro commerciale Bennet di Romagnano, dopo aver abbattuto un palo dell’illuminazione pubblica. 

L’amministrazione comunale si è così sentita in dovere di lanciare un appello ai concittadini: «Si tratta di un gesto folle - si legge in un comunicato del sindaco Davide Temporelli e del gruppo di maggioranza - che va a ledere la comunità ghemmese nel profondo. Un atto scellerato che tocca le tasche di tutti, con particolare riferimento all’istituzione comunale e alla comunità. Chi ruba un’auto di pubblico servizio con che fine lo fa? Siamo di fronte all’ennesimo atto di sfregio al Comune dopo l’ingente furto di rame al cimitero. Speriamo che tutti i ghemmesi diano una mano nelle indagini per la ricerca del colpevole, per isolare e punire il ladro e l’inqualificabile gesto che lascia non solo rammarico ma anche una profonda ferita nella comunità».

Le indagini su quanto accaduto sono in corso a opera dei carabinieri, dopo la denuncia presentata dall’amministrazione. Potrebbero esserci delle immagini che avrebbero ripreso il malintenzionato, ma resta pure qualche interrogativo, su cui in paese e su Facebook si sta discutendo parecchio in questi giorni. Come è stato possibile, ad esempio, entrare nel cortile del palazzo comunale senza forzare la serratura del cancello di ingresso (che presenterebbe solo un piccolo graffio)? Ma è anche confermato che per accendere il motore il ladro ha utilizzato le chiavi che erano nel vano porta-oggetti dell’automezzo. Evidentemente si tratta di qualcuno che sapeva questo particolare e ne ha approfittato.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...