Notizia Oggi

Stampa Home

Trovati i gestori: l'ostello di Varallo riapre a metà novembre

Nei mesi scorsi è stato sottoposto a una serie di lavori di ristrutturazione
Articolo pubblicato il 02-11-2017 alle ore 18:36:21
Trovati i gestori: l'ostello di Varallo riapre a metà novembre 2
L'ostello di Varallo

L’ostello di Varallo riaprirà a breve. Il Comune ha infatti individuato i nuovi gestori per la struttura. «Non è stato facile perché ci sono pervenute parecchie richieste - dichiara il sindaco Eraldo Botta - e quindi c’è voluto più tempo del previsto per selezionarle. Comunque nei giorni scorsi abbiamo affidato la nuova gestione e, cosa importante, la struttura potrà presto riaprire i battenti». A occuparsi dell’ostello saranno due soci, che dunque hanno deciso di prendere in mano quello che per anni è stato il collegio cittadino in via D’Adda, nato proprio per ospitare gli alunni provenienti da fuori che frequentavano le scuole varallesi, e poi passato al Comune che ne ha fatto un ostello a tutti gli effetti, con un servizio di pernottamento e prima colazione, adatto quindi a ospitare studenti, turisti e chiunque abbia necessità di pernottare in città.

Nei mesi scorsi l’ostello è stato sottoposto a una serie di lavori di ristrutturazione per renderlo più accogliente e dunque è pronto a riaprire i battenti. «Lo farà verso la metà di novembre - precisa il primo cittadino - e siamo molto soddisfatti di aver trovato in tempi brevi, come speravamo, chi se ne occuperà». Il bando precedente per l’assegnazione del servizio era andato deserto e dunque il Comune cercava urgentemente qualcuno che prendesse in mano la struttura con i suoi 45 posti letto. Per questo ha stabilito un affitto basso: si tratta di 250 euro al mese, tremila euro all’anno. All’interno della struttura tre locali vengono utilizzati dall’istituto alberghiero come aule da un paio di anni per far fronte all’alto numero di iscritti, grazie alla convenzione siglata con il Comune che li ha ceduti all’Ipssar Pastore in comodato d’uso gratuito.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...