Notizia Oggi

Stampa Home
Cronaca

Tunisino minaccia l'ex fidanzata e si oppone all'arresto

E' successo nel fine settimana in centro a Vercleli
Articolo pubblicato il 30-05-2016 alle ore 18:34:55
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Prima ha tentato di malmenare la sua ex compagna, poi se l'è presa con i poliziotti intervenuti. E' stato arrestato un 30enne tunisimo a Vercelli con numerosi precedenti alle spalle. Sabato notte le volanti si sono recate in un noto bar cittadino del centro per la segnalazione di un soggetto esagitato e violento che stava creando seri problemi nel locale: sembrava stesse cercando di malmenare la sua ex, co-titolare del bar, con cui aveva avuto una relazione sentimentale due anni prima.Gli agenti hanno trovato la cotitolare del bar in preda ad una crisi di panico mentre cercava riparo dietro il bancone, rannicchiata a terra, mentre un uomo, sporco di sangue, inveiva sia contro la donna, minacciandola di morte e insultandola, sia verso altri avventori del locale, nel frattempo scappati all’esterno. L’uomo in più occasioni ha cercato di raggiungere la ragazza con l’intento di aggredirla, e solo l’intervento dei poliziotti  ha permesso alla giovane di raggiungere l’esterno del bar, in sicurezza. Una volta ammanettato, i poliziotti l’hanno sistemato all’interno dell’autovettura di servizio, malgrado lui tentasse più volte di guadagnarsi la fuga, cercando in più occasioni la colluttazione con i poliziotti intervenuti. Anche all’interno dell’auto di servizio l’uomo ha mantenuto un atteggiamento parecchio aggressivo, sferrando violenti calci contro il finestrino della portiera posteriore sinistra e cercando di autolesionarsi il capo, al solo scopo di non essere portato in Questura. Qui, invece che calmarsi, il tunisino, benché ammanettato, si è scagliato contro i poliziotti e l’arredo degli uffici. La resistenza è aumentata con l’arrivo dei sanitari della guardia medica, giunti in Questura per prestare le cure del caso, nel tentativo, vano, di calmarlo.  Solo verso le 3, con l’intervento di un’ambulanza medicalizzata, lo straniero è stato calmato e accompagnato in ospedale, sotto scorta, e quindi suturato per la ferita alla mano destra procurata dai cocci dei bicchieri rotti al bar. Terminate le dovute cure e gli atti di rito, l’uomo è stato arrestato per danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...