Notizia Oggi

Stampa Home

Uccise quasi tutte le caprette ''operaie'' di Boca

Erano in paese da 15 anni
Articolo pubblicato il 03-05-2016 alle ore 20:06:56
Uccise quasi tutte le caprette ''operaie'' di Boca 3
Uccise quasi tutte le caprette ''operaie'' di Boca 3

Delle 15 caprette tibetane ospitate a Boca ne è rimasta viva solo una. Le altre 14 sono morte, azzannate alla gola probabilmente da uno o più cani. L’allarme è stato dato la scorsa domenica da un cittadino, che, accortosi di quanto era accaduto, ha chiamato subito il sindaco. «Ho trovato un macello - dice il primo cittadino Pier Angelo Puricelli -. Due cani sono riusciti ad entrare nel recinto delle caprette. Ne ho visto uno di media taglia e uno piccolino aggirarsi lì vicino, ma erano tranquilli. Non posso dire con certezza che siano stati quei due animali a combinare quel disastro. Anche perché uno era piccolissimo».

Sono intervenuti i carabinieri di Romagnano, mentre il servizio veterinario non ha ritenuto necessario effettuare le autopsie: pare non vi siano dubbi sulle cause di morte. «E’ stato subito escluso l’avvelenamento - prosegue Puricelli - Le caprette sono state sospinte verso il torrente; nove sono state ritrovate addirittura nel corso d’acqua. I corpi giacevano piuttosto distanti uno dall’altro, da 10 fino a 20 metri». Le carcasse oltre alla gola squarciata non presentavano altri segni di morsi; a predarle non sono stati quindi animali che cercavano cibo.

L’unica capretta sopravvissuta si è salvata in quanto è fuggita dalla parte opposta rispetto alle altre. «Era accovacciata vicino alle scuole. Non sapevamo nemmeno se fosse ferita: non si lasciava avvicinare».
Le caprette pascolavano in un’area chiusa da un recinto, dove però evidentemente è stato aperto un varco.


Le caprette erano a Boca da una quindicina di anni ed erano diventate l’attrazione del paese, amate soprattutto dai bimbi delle vicine scuole. Inoltre avevano l’innegabilmente utile funzione di tener pulita l’area dai rovi e dalle sterpaglie. «Valuteremo se prenderne delle altre - dice il sindaco, che aggiunge ironicamente - Altrimenti dovremo far lavorare di più gli operai del municipio».

Attualità

Cronaca

Politica

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...