Notizia Oggi

Stampa Home
Economia

Una etichetta per il kiwi biellesi e vercellesi

La produzione è in aumento
Articolo pubblicato il 21-11-2017 alle ore 09:40:51
Etichetta per il kiwi
Etichetta per il kiwi

I kiwi made in Vercelli-Biella chiedono l’etichetta di origine. Un provvedimento necessario per un settore che “nei prossimi anni vedrà una rigenerazione degli impianti, che punterà anche su nuove varietà per avvicinarsi sempre di più ai gusti dei consumatori e, per ovviare alla moria delle piante che, da anni, sta colpendo gli actinidieti” come sottolinea il presidente della Coldiretti interprovinciale Paolo Dellarole, a pochi giorni dalla conclusione della raccolta sul territorio.

A colpire le piante in questi ultimi anni sono stati, in particolare, la batteriosi e il marciume radicale che hanno provocato una vera e propria moria delle piante stesse tanto che il raccolto piemontese è calato del 50% circa. Il Piemonte ha un importante polo produttivo che abbraccia le province di Vercelli, Biella, Torino e Cuneo per una superficie totale di quasi 5 mila ettari e una produzione di oltre 100 mila tonnellate all’anno. 

 

E’ “certamente opportuno anche l’intervento della Regione e delle Istituzioni preposte per evitare di perdere questo importantissimo patrimonio produttivo piemontese. Coldiretti continua quindi la propria battaglia affinché al più presto arrivi l’etichettatura obbligatoria d’origine anche per i trasformati della frutta”.

Una stagione – quella dei kiwi - che sicuramente risente delle condizioni climatiche avverse: dalle gelate primaverili ad un forte caldo estivo e persistente siccità. Sicuramente non ne ha risentito la qualità delle produzioni che si conferma di alti livelli.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...