Notizia Oggi

Stampa Home

Una folla a Gattinara per l'addio a Erika, morta a 35 anni

Ieri l'altro i funerali
Articolo pubblicato il 10-03-2017 alle ore 18:15:36
Una folla a Gattinara per l'addio a Erika, morta a 35 anni  3
Erika Zurlin

Il sogno, realizzato, di insegnare la ginnastica artistica alle bambine, accompagnato da una battaglia durata anni contro il tumore. Una malattia che sembrava inizialmente vinta ma che poi si è ripresentata, portandosela via a soli 35 anni. Erika Zurlin è morta nella sua abitazione, a Gattinara, dopo anni di malattia e sofferenze ma anche di grandi gioie e soddisfazioni sul piano umano e professionale. I funerali sono stati celebrati mercoledì pomeriggio, nella chiesa parrocchiale di San Pietro; la salma è stata poi sepolta al cimitero di Lenta. Lascia il marito Giuliano Platinetti e la mamma Maurizia.

Laureata in Scienze motorie, Erika Zurlin era un tecnico federale della Federazione ginnastica artistica. Aveva lavorato nel biellese, con l’Asd Pietro Micca, e nel 2014 ha creato l’Asd Ekygym, di cui era direttore tecnico, società sportiva gattinarese ma che ha la sua base operativa a Rovasenda, dove bambine e ragazze si allenano costantemente per conseguire i tanti premi e risultati che ottengono dopo ogni gara. Le sue allieve la ricordano come un tecnico, ma anche come un’amica e un aiuto alla loro crescita.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...