Notizia Oggi

Stampa Home

Una toscana vince il premio ''Castello di Sopramonte''

Articolo pubblicato il 02-10-2017 alle ore 15:09:24
Una toscana vince il premio ''Castello di Sopramonte'' 3
I vincitori, gli ospiti e la giuria

Prato Sesia si trasforma nella “casa dei poeti” con il concorso “Il castello di Sopramonte”, organizzato dal gruppo alpini del paese con il patrocinio del Comune e della Provincia e giunto alla tredicesima edizione. Sabato 16 settembre si è tenuta la premiazione, con decine di autori che, nel locale gremito, hanno letto i loro componimenti, in italiano e in dialetto. Il primo posto per le poesie in italiano è andato a Tiziana Monari, proveniente da Prato, in Toscana, con la sua “Stabat mater”. La targa per il secondo posto è andata invece in terra sarda: Aldo Palmas, di Iglesias, l’ha conquistata con “Parlava di gatti, angeli e sogni”. Terzo posto invece per Nadezhda Georgieva Slavova, di Alessandria, con “Il volto della vita”. Un premio speciale è stato assegnato a Rita Cottone, da Marano di Napoli, per “Maledetto male”, toccante poesia dedicata a un’amica poeta scomparsa a causa del cancro. Sono invece tre novaresi i vincitori della sezione dedicata al dialetto: Silvana Danesi si è aggiudicata il primo posto con “Me’ car temp…”; secondo posto per Rita Graziani con “Udùr d’autun” e terzo per Gianfranco Pavesi che ha presentato “Ladra d’umbrij”.

Da citare anche la partecipazione dei ragazzi di quinta della scuola elementare: i giovani poeti hanno presentato dieci poesie, fra cui una scritta in dialetto. «Sono contento di essere entrato in questo mondo, tredici anni fa – ha spiegato l’organizzatore del concorso, l’alpino Angelo Frasson – ho conosciuto in questo modo tanti poeti e li ho trovati belle persone. In ogni poesia c’è un riferimento a momenti di vita vissuta. Quest’anno si sono iscritti anche molti poeti nuovi e questa è una cosa molto positiva».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...