Notizia Oggi

Stampa Home

Valbusaga, si amplia la casa di accoglienza della mamma e del bambino

I lavori avranno la durata di almeno due anni
Articolo pubblicato il 07-04-2016 alle ore 09:56:08
Valbusaga, si amplia la casa di accoglienza della mamma e del bambino 2
Valbusaga, si amplia la casa di accoglienza della mamma e del bambino

Avviato il cantiere per l'ampliamento della Casa di accoglienza della mamma e del bambino di Valbusaga. La nuova costruzione, che sorgerà tra l'edificio principale e Casa Pietro, si svilupperà su tre livelli e ospiterà un grande magazzino, il garage e un punto gioco per i bambini.
I lavori di costruzione avranno una durata di almeno due anni. A struttura ultimata la Casa di accoglienza potrà ampliarsi e mettere a disposizione spazi per ospitare due nuclei familiari in Casa Ester, attualmente utilizzata come magazzino.

«Da tempo avevamo bisogno di uno spazio da adibire a deposito e garage, dove potesse trovare posto anche un locale per il gioco dei bambini - spiega don Gianni Remogna, presidente dell'associazione -. Non sarà dunque uno luogo a disposizione delle mamme, ma uno spazio per migliorare i servizi che offerti. In questa casa potranno ad esempio esser ritirati i passeggini, le carrozzine, i giochi e tutto ciò che occupa spazio e a volte provoca confusione. Riusciremo insomma a mettere ordine nelle stanze delle case principali, per poter gestire meglio tutto ciò che serve per l’accoglienza».
Se il piano terra sarà adibito a magazzino, al primo piano nascerà un spazio gioco per i bambini: «Un angolo a disposizione dei bimbi ospitati - anticipa il presidente -: i piccoli dai due anni e mezzo fino ai sei anni, avranno giochi a loro disposizione e saranno seguiti da educatrici».
Infine sarà realizzato un piano sotteraneo destinato al garage e un locale dove sarà realizzata una cisterna per la riserva acqua di diecimila litri.
"Attualmente utilizziamo come magazzino i locali di “Casa Ester” - prosegue don Remogna -: è un’abitazione che potrebbe ospitare due nuclei familiari, ma che per mancanza di spazi siamo stati costretti a utilizzare come deposito. Quando il nuovo edificio sarà pronto potremmo trasformare “Casa Ester” in abitazione per due nuclei familiari, con le stesse finalità di “Casa Madre Teresa” e di “Casa Pietro”, permettendo alle mamme una “prova di autonomia” in previsione del ritorno alla loro indipendenza».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...