Notizia Oggi

Stampa Home

Valduggia, frazioni ostaggio dei raid dei cinghiali

Avvistamenti e danni sono frequenti
Articolo pubblicato il 27-11-2017 alle ore 18:05:04
Valduggia, frazioni ostaggio dei raid dei cinghiali 2
La strada che porta a frazione Raschetto è spesso invasa dalla terra smossa dai cinghiali

Ancora terreni devastati dai cinghiali a Valduggia. E a questo si aggiungono i pericoli per la viabilità. Le ultime segnalazioni arrivano dagli abitanti di frazione Raschetto che quasi quotidianamente devono fare i conti con le conseguenze della presenza degli animali. L'ultimo episodio pochi giorni fa, quando è stato necessario ripulire la strada che attraversa la frazione, invasa da terra e sassi che erano stati smossi dai cinghiali. Ma non si è trattata di una novità, anzi: «Una situazione che a Raschetto si sta ripetendo molto spesso - spiega un residente -: ormai diventa strano se al mattino non troviamo orti, campi e giardini devastati dai cinghiali. E' diventata una consuetudine, e purtroppo anche molto pericolosa. Sulle rive più scoscese la terra viene portata sino sulla strada». Era già accaduto in precedenza e a Raschetto erano saliti i mezzi del Comune per rimuovere terra e sassi e far tornare la strada completamente percorribile. Poi, qualche giorno fa, è accaduto di nuovo, nella stessa zona: la carreggiata ancora invasa dalla terra trascinata dai cinghiali.

La presenza dei cinghiali a Valduggia non è certo una novità: segnalazioni, avvistamenti, e danni, sono frequenti. Chi si ritrova l'orto devastato, chi si imbatte in un porcastro mentre rientra a casa: «Non c’è nulla che garantisca la tranquillità ai proprietari di terreni - è il rammarico dei frazionisti -, evidentemente non funzionano le norme che regolano l’abbattimento o piuttosto non vengono osservate quelle che impongano il ripopolamento. Non si riesce a trovare in equilibrio, e purtroppo per il “divertimento” di qualcuno ne vanno di mezzo tutti».
Oltre a provocare danni alle proprietà private, i porcastri costituiscono un reale pericolo quando si è al volante. La loro presenza è avvertita un po’ ovunque, e lungo la strada che collega Borgosesia a Valduggia spesso si vedono transitare animali o sostare a lato carreggiata (negli anni non sono mancati gli incidenti). E lo stesso accade sulle strade delle frazioni: «Quando rientro a casa la sera devo prestare sempre molta attenzione - riferisce il frazionista -, non soltanto perchè capita di trovarli sulla strada, con il rischio di incidenti, ma anche quando una volta posteggiato devo percorrere a piedi il tratto per arrivare a casa».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...