Notizia Oggi

Stampa Home
Il comitato dei residenti: non riusciamo ad avere un dialogo

Valmaggiore: sui profughi è rottura con prefetto, sindaco e chiesa

In una lettera si ribadisce che la "casa delle suore" non va bene per accogliere profughi
Articolo pubblicato il 14-02-2016 alle ore 11:40:19
Valmaggiore: sui profughi è rottura con prefetto, sindaco e chiesa 3
Il tema migranti assilla Valmaggiore

Il Comitato cittadini Valmaggiore è stanco di non riuscire ad avere un dialogo con le istituzioni sul tema dell'accoglienza dei migranti nella cosiddetta Casa delle suore. Lo denuncia in una lettera aperta scritta l'altra settimana, che pubblichiamo: «Si è creata una distanza insanabile tra noi residenti, gli organi prefettizi, l'amministrazione comunale e la chiesa, nella veste della Congregazione religiosa proprietaria dell'immobile. E' sotto gli occhi di tutti la condizione, potenzialmente pregiudizievole, di pericolosità pubblica e privata, di non abitabilità e non agibilità dell'edificio. Tutti gli enti e i soggetti coinvolti sono ampiamente e dettagliatamente informati della situazione in cui si trova la villa. Risulta che alcuni lavori di manutenzione sono ancora in corso, ma servono ben altri interventi per adeguare la casa ad accoglienza migranti e soprattutto per l'immediata messa in sicurezza dell'immobile e delle zone limitrofe, anche per prevenire l’accadimento di incidenti e infortuni. Andrebbero rimosse le ampie e numerose zone di intonaco pericolante, fissate o sostituite le lamiere staccate sui tetti, transennate le zone pericolose, completata la recinzione dell'area del cantiere, verificate le condizioni degli alberi ad alto fusto nel giardino a ridosso della strada pubblica».

«Vorremmo chiedere ai nostri amministratori la massima attenzione per il rispetto delle normative di igiene e salute pubblica e di tutela ambientale; un’inerzia nell'applicazione delle normative vigenti sarebbe una responsabilità gravissima nei confronti della nostra comunità. Nonostante le numerose visite e sopralluoghi effettuati dall’ufficio tecnico municipale e dai vigili del fuoco, ancora nulla è stato fatto, mentre si parla con insistenza di un “imminente arrivo dei migranti”. La mancanza di un progetto di accoglienza condiviso può essere definito “un’incauta disattenzione macroscopica”, una mancanza di “responsabilità” verso la sicurezza di noi abitanti e degli eventuali futuri ospiti».

«Non vi è, attualmente, alcun segno della volontà da parte di alcuno di porvi rimedio. Avremmo voluto condividere la responsabilità di una corretta gestione di accoglienza con le istituzioni, influenzare positivamente processi decisionali e innescare cambiamenti costruttivi, ma ci è stato negato. Le nostre richieste d'incontro con l'ex prefetto di Vercelli Salvatore Malfi e con l'attuale vice-prefetto reggente Raffaella Attianese, sono rimaste sistematicamente inevase; dimostrando, di fatto, che le nostre istituzioni rimangono “arroccate nel castello”, completamente indifferenti alle richieste e ai bisogni reali dei cittadini».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...