Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo applaude Alessandro, poeta ammalato di Sma

Poeti e scrittori protagonisti
Articolo pubblicato il 04-10-2016 alle ore 15:07:50
Varallo applaude Alessandro, poeta ammalato di Sma 2
Alessandro Fariello con il sindaco

Il teatro Civico ha fatto da cornice alla seconda edizione del premio internazionale “Citta di Varallo”. Hanno raggiunto la località valsesiana centinaia di poeti provenienti da tutt’Italia per ricevere il meritato riconoscimento. La manifestazione, organizzata dalla Otma 2 Edizioni dell’editore Euro Di Luzio e voluta dal sindaco Eraldo Botta, è stata presentata dall’editore Otmaro Maestrini e dalla cantante e presentatrice Elisabetta Viviani che hanno chiamato sul palco anche Franca Scaglia, presidente di “Valsesia Musica”, premiata per la competente e apprezzata collaborazione culturale dedicata alla Valsesia.


La manifestazione ha visto trionfare nella sezione Poesia a tema libero Luigi Pecchini, seguito da Floranna Usellini e da Annamaria Mustardino. Nella sezione Poesia dialettale ha vinto Rita Graziani, seguita da Gaetano Catalani e da Giulio Buzzi. Nella sezione Libro edito primo premio a Laura Mutti, seguita da Marisa Cossu e Rosalba Ranieri. Parlando di libro edito, tra i premiati anche Alessandro Fariello, accolto sul palco con una standing ovation non tanto per il fatto che ha percorso mille chilometri arrivando dalla Puglia, esattamente da Grumo Appula, per ritirare il premio, ma perché è affetto da Sma (atrofia muscolare spinale), quindi è giunto fino a Varallo con tutte le difficoltà del caso. Concorrenti poi hanno partecipato da Cosenza, Trapani, Verona, Cagliari, Siena, Milano e da molte altre località italiane. Conclusa la manifestazione i poeti si sono ritrovati per il pranzo conviviale all’Albergo Italia.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...