Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, con 72mila euro si fanno lavorare undici disoccupati

Manutenzione del territorio e dei beni pubblici
Articolo pubblicato il 30-11-2016 alle ore 06:20:19
Varallo, con 72mila euro si fanno lavorare undici disoccupati 3
Il gruppo dei lavori socialmente utili

A Varallo il progetto si intitola “Impiego in attività di pubblica utilità finalizzate alla cura del territorio e alla manutenzione di beni e arredi pubblici”. In pratica, si tratta di undici persone disposte a fare un po’ di tutto, dal muratore all’imbianchino, dal falegname al giardiniere. E’ il gruppo di ragazzi impiegati dal Comune in lavori socialmente utili, concretizzato grazie alla partecipazione economica di aziende, di privati e di enti che hanno creato un fondo di ben 60mila euro circa da utilizzare per l’acquisto di voucher, somma alla quale in questi giorni si sono aggiunti altri 12.500 euro, di cui 5mila elargiti dalla Fondazione Banca popolare di Novara, altri 5mila dalla Fondazione Cassa di risparmio di Vercelli e 2.500 dall’associazione Metallurgi della Valsesia in occasione del pranzo annuale.

Undici persone che ogni giorno lavorano sul territorio cittadino con mansioni diverse, dalla pulizia delle cunette al verde pubblico, al restauro di ringhiere alle targhe delle vie, e molto altro. Ora il Comune chiede l’aiuto diretto dei cittadini: «Invito i varallesi a segnalarmi eventuali interventi di manutenzione necessari sia in centro che nelle frazioni - spiega il sindaco Eraldo Botta - o se in qualche zona della città servisse qualche arredo nuovo, per esempio panchine o lampioni». Il numero da contattare in caso di segnalazioni è il 329.4357954: risponderà alla telefonata il sindaco che provvederà a inviare la squadra sul posto.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...