Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, cresce ancora la biblioteca degli alpini

E' stata inaugurata due mesi fa
Articolo pubblicato il 03-04-2017 alle ore 16:43:24
Varallo, cresce ancora la biblioteca degli alpini 3
Nella biblioteca della sezione

Cresce ancora la biblioteca della sezione Valsesiana degli alpini. Sono passati due mesi dall’inaugurazione nella sede di Roccapietra, ma si è già arricchita di oltre cinquanta nuovi volumi, mentre altri sono in arrivo grazie alla generosità di molte persone. «E’ stato inaspettato ricevere un contributo così grande - commenta l’alpino Aldo Lanfranchini che, con l’aiuto di Marinella Mora, ha catalogato e inserito nell’archivio nazionale online tutti i possedimenti della biblioteca -. Molti dei libri che ci sono stati donati si trovavano nelle case della gente, ma i loro proprietari hanno preferito portarli in un posto sicuro come questo, dove erano certi che avrebbero trovato una loro collocazione. Ora sono in fase di catalogazione: è un lavoro lungo, ma abbiamo appena sistemato il computer della sede e verranno inseriti tutti nell’archivio digitale».

Un aiuto concreto alla biblioteca arriverà anche dalla “Farinone-Centa” di Varallo, diretta da Piera Mazzone: «Lì ci sono alcune copie doppie di libri sulla montagna - continua Lanfranchini -, sugli alpini e sulla Valsesia e presto dovrebbero confluire nella nostra raccolta». Fino a oggi sono stati soprattutto membri del corpo alpino a frequentare la biblioteca, dedicata alla “Medaglia al valore militare” Mario Tancredi Rossi, ma la consultazione è aperta a tutti: «Sarebbe bello coinvolgere i giovani, magari collaborando con le scuole del territorio», auspica Lanfranchini.

La sede Ana Valsesiana, sezione da poco sotto la presidenza di Gianni Mora, succeduto a Gilberto Fava Camillo, è aperta il mercoledì, il giovedì e il venerdì sera a partire dalle 20.30, ma è possibile recarsi in biblioteca anche durante altre fasce orarie contattando il numero 0163.51788 o direttamente Lanfranchini al 335.5345369.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...