Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo ha dato l'addio a Luciana Avondo

Per 40 anni aveva gestito un distributore di carburante
Articolo pubblicato il 15-03-2016 alle ore 17:01:58
Varallo ha dato l'addio a Luciana Avondo 2
Luciana Avondo al distributore con il figlio

Per tutti è sempre stata la “benzinaia” di Varallo. Si è spenta dopo una lunga malattia, a 78 anni, Luciana Avondo, per oltre quarant’anni gestore, prima con il marito Loris Uglioni e poi con il figlio Massimo, del distributore di via Brigate Garibaldi, che sorgeva accanto alla manifattura Grober, smantellato qualche anno fa.

La stazione di servizio, che dopo l’agosto 2001 era passata alla Tamoil dopo avere aperto alla fine degli anni Sessanta come Shell ed essere stata nel corso degli anni anche della Ip, era stata per la famiglia Uglioni come una seconda casa per 41 anni: dal 1969 quando Luciana con il marito Loris l’aveva “inaugurata”, fino al 7 giugno 2010, quando il distributore per decisione della Tamoil chiuse i battenti: il terreno sui cui sorgeva avrebbe avuto una diversa destinazione d’uso.
Una stazione di servizio storica, dunque, nella quale praticamente tutti i varallesi hanno fatto almeno una volta rifornimento di carburante. E dove ogni giorno si incontrava la signora Luciana, sempre con il sorriso sul volto, pronta a scambiare due chiacchiere con la solita, garbata, simpatia.

Era stata una fitta al cuore per lei, come per suo figlio Massimo, subentrato dopo la morte del padre nella conduzione del distributore, apprendere che la Tamoil aveva deciso di chiudere i battenti e di trasferire la stazione di servizio altrove. Dopo quarant’anni era stato molto doloroso dover lasciare l’attività e la clientela affezionata. 

L’annuncio della morte di Luciana Avondo è stato dato a funerali avvenuti. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...