Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, l'Arma in lutto

L'addio a due carabinieri: avevano solo 48 e 56 anni
Articolo pubblicato il 18-01-2016 alle ore 12:33:23
Varallo, l'Arma in lutto 3
Immagine di repertorio

Grande cordoglio, a Varallo, per la scomparsa del brigadiere Walter Ancora e del brigadiere capo Giancarlo Cabiati.  Avevano rispettivamente 48 e 56 anni. 

Originario di Como, il brigadiere Ancora aveva raggiunto la Valsesia negli anni Ottanta per prendere servizio nella locale stazione dei carabinieri. Ha sempre vestito con impegno e dedizione la divisa della Benemerita, finché la malattia non glielo ha più permesso. Nei mesi scorsi, infatti, le sue condizioni di salute si sono aggravate, imponendogli il congedo anticipato. All’alba di ieri il triste epilogo: quel male inguaribile, contro cui lottava da anni, alla fine lo ha strappato all’affetto dei suoi cari, della moglie Mena e del figlio Lorenzo di otto anni. Il brigadiere lascia anche il papà Franco e i fratelli Gianpaolo e Luca. Il funerale sarà celebrato domani nella collegiata di San Gaudenzio alle 14.30. Il rosario sarà recitato questa sera alle 20 nella chiesa parrocchiale di Roccapietra, dove Ancora risiedeva con la famiglia.

Era invece originario di Varallo Giancarlo Cabiati brigadiere capo, deceduto nella giornata di ieri all’ospedale di Novara. Nella città piemontese Cabiati risiedeva da tempo dopo aver preso servizio nella locale stazione dei carabinieri, sotto la guida del capitano Silvio Mele. Il funerale sarà celebrato domani alle 15.30 nella chiesa parrocchiale Santa Maria alla Bicocca, mentre il rosario verrà recitato questa sera alle 19 nella stessa chiesa. Cabiati lascia la moglie Patrizia, i figli Giulia e Riccardo, e il fratello Franco, anch’egli carabiniere ormai in congedo che risiede a Varallo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...