Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo ricorda Giorgio Calta, storico rivenditore di motocicli

A tracciarne il profilo è Piera Mazzone
Articolo pubblicato il 28-12-2017 alle ore 10:59:28
Varallo ricorda Giorgio Calta, storico rivenditore di motocicli 3
Giorgio Calta

Qualche giorno fa Varallo ha salutato per l'ultima volta Giorgio Calta, 81 anni, molto conosciuto in città per essere stato il titolare per decenni di un negozio di motocicli in via Brigate Garibaldi, nella zona di Casa Serena. Era anche un abile scultore, amava infatti intagliare e lavorare il legno. Una passione che lo aveva portato al centro di mostre, come quella allestita nel 2010 alla biblioteca di Varallo in occasione del Natale. Ricorda il direttore della “Farinone-Centa” Piera Mazzone: «In occasione del Natale 2010 in biblioteca, nel portico del cortile d’onore di Palazzo Racchetti, c’era stata un’esposizione speciale: la prima personale antologica di Giorgio Calta, che scolpiva da ben venticinque anni. Nella ricca mostra di sculture - oltre ottanta pezzi in noce e acero - alcune di soggetto sacro, altre raffiguranti animali, tra i quali una splendida la collezione di coleotteri, dominava al centro un grande plastico raffigurante il paese di Rassa. Giorgio aveva intitolato questa mostra di scultura e intarsio: “L’amore tra il legno e la pietra legato dal rame. Vivere l’arte con rispetto e passione”, raccontando in una frase i materiali utilizzai in modo talora felicemente sperimentale e la sua idea di arte».

«Una delle singolarità di quest’uomo buono e semplice, caratteristiche rimarcate anche dal prevosto don Roberto Collarini nell’omelia funebre, c’era il gusto per la miniatura, per il particolare, che corrispondeva al suo speciale osservatorio della vita: dal suo piccolo mondo una grande finestra si spalancava sull’umanità. Tutti coloro che hanno avuto la fortuna di avvicinare Giorgio e di ascoltarlo, hanno avuto in dono uno dei suoi presepi così speciali, con la lucina nel cuore, alimentata da una batteria affondata nel legno: ogni anno ritrovo il calore e la gioia di un Natale autentico, regalo di una persona speciale che in questi ultimi due anni era passata attraverso la sofferenza, accompagnato sempre con grande amore dalla moglie Teresa. Dal suo Natale di gioia certamente giungerà a ognuno un augurio leggero come le carezze di un’anima generosa».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...