Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo ricorda Luigi Pugno, storico panettiere

Dalla fine degli anni Novanta gestì con i fratelli forno e bottega in via Albertoni
Articolo pubblicato il 19-12-2016 alle ore 12:45:44
Varallo ricorda Luigi Pugno, storico panettiere 2
Luigi Pugno, storico panettiere varallese

Fino alla fine degli anni Novanta, ogni giorno, nella zona delle vecchie contrade, si diffondeva fin dalle prime ore del mattino il profumo del pane e dei biscotti appena sfornati che rimaneva nell’aria tutto il giorno. Il panificio Pugno e l’annessa bottega diventavano così un richiamo, una tappa obbligata per tanti varallesi. E Luigi era sempre lì, a preparare e cuocere pagnotte e pastefrolle. In molti lo ricordano con l’immancabile grembiule bianco e il cappello da panettiere fare la storia del commercio cittadino. A 81 anni si è spento, dopo una vita dedicata all’attività di famiglia e trascorsa accanto ai fratelli. Non essendosi mai sposato, per aggirarsi nel forno. Lui e la sua famiglia hanno contribuito a Luigi Pugno i quattro fratelli, Giovanni, Arturo, Anna Maria e Agnese, sono stati la sua grande famiglia, molto unita da sempre.

Era stato il padre Pietro ad aprire il panificio nel 1920, dopo essersi trasferito dalla Lombardia a Varallo. In città conobbe e sposò Angela Bellerate e insieme portarono avanti forno e bottega. Quest’ultima inizialmente fu aperta in via Umberto I dove rimase fino al 1984 per poi essere trasferita accanto al forno, da sempre in via Albertoni, nella zona delle vecchie contrade. Furono poi i figli, principalmente Giovanni e Luigi a occuparsi del panificio e Agnese del punto vendita, fino al 30 giugno 1999, giorno in cui il panificio Pugno chiuse per sempre i battenti. Al lavoro, Luigi alternava la passione per la montagna, per la caccia e la pesca, quest’ultima in particolare condivisa e praticata con il fratello Arturo, che per tanti anni è stato presidente della Società valsesiana pescatori sportivi.

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...