Notizia Oggi

Stampa Home
Doni e frecciate durante la oconsegna delle chiavi alle maschere della città

Varallo, un calmante al sindaco: basta litigi col parrocco

Botta: regalo un bel salvadanaio per il "commercialista di corte" che si pagare anche i 100 euro
Articolo pubblicato il 12-01-2016 alle ore 15:35:11
Varallo, un calmante al sindaco: basta litigi col parrocco 3
Lo scambio dei doni a Varallo

Battute salate tra la maschera e il sindaco di Varallo durante la tradizionale consegna dellechiavi della città. Tra i doni che il nuovo Marcantonio Gianluca Zandotti ha portato a Eraldo Botta, una serie di cartine geografiche della Valsesia: il riferimento va quello che Botta aveva detto un anno fa in occasione delle riprese di “Ballarò”, nel corso delle quali Varallo è stata definita come una cittadina dispersa tra le valli e difficilmente raggiungibile. Non sono mancate alcune frecciatine riguardanti la situazione lamentata da alcuni cittadini a proposito del ghiaccio che si era formato sul viale. Infine Marcantonio ha donato al sindaco una pillola di calmante. «È necessario che il parroco e il sindaco vadano più d’accordo... L’altra compressa la consegnerò poi a don Roberto».

Il sindaco invece tra i vari doni ha consegnato al re del carnevale un salvadanaio per raccogliere i soldi per pagare il "commercialista di corte", visto che costui ha chiesto 100 euro per i suoi servizi come indica il bilancio del Comitato. Botta ha anche suggerito di iscriverlo nell’elenco dei bisognosi, come accadeva nei secoli scorsi in città.

Ma i doni del sindaco sono stati anche molto seri e soprattutto rari: Botta ha infatti consegnato a Marcantonio documenti riguardanti la tradizione cittadina del carnevale tra i quali, in occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario della Canzun della Giobiaccia. Donata anche una copia di un documento del 1846 che descrive la mascherata dei carri con l’invito a ripristinare le sfilate allegoriche.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...