Notizia Oggi

Stampa Home
Nei locali della biblioteca civica

Varallo, una mostra celebra la "Paniccia" della val Sabbiola

E domani è prevista la 51esima edizione in memoria di Aldo Botta
Articolo pubblicato il 30-01-2016 alle ore 20:53:06
Varallo, una mostra celebra la "Paniccia" della val Sabbiola 3
Il taglio del nastro

È dedicata alla paniccia della val Sabbiola e resterà aperta, fino al 7 gennaio, nei locali della biblioteca civica di Varallo. Stiamo parlando della mostra fotografica inaugurata, nei giorni scorsi, dalle maschere cittadine Marcantonio, alias Gianluca Zandotti, e Cecca, alias Gloria Surico. Al loro fianco rappresentanti e maschere dei rioni e  il sindaco Eraldo Botta originario di una delle frazioni della valle, Erbareti.

La preparazione della paniccia rappresenta l’evento più importante programmato dal Comitato val Sabbiola: fu cucinata per la prima volta in occasione del carnevale 1966. Il gustoso minestrone a base di verdure, arricchito con condimento segreto e pasta, viene cotto in grossi pentoloni, al fuoco vivo della legna, per diverse ore.

La 51esima edizione è dedicata a un membro storico del comitato tragicamente scomparso nei giorni scorsi: Aldo Botta. L’appuntamento è per domani in frazione Crosi di Sabbia dove a partire dalle 12, a fronte di un'offerta libera,  sarà distribuita la paniccia accompagnata con insalata di nervetti e fagioli, salamini e patate. Il ricavato, come da tradizione, sarà impiegato per finanziare interventi pubblici in valle.

La mostra fotografica è collegata al volume “Un fil di fumo di ricordi. La Paniccia della val Sabbiola. 1966-2015. 50 Anni di storia”, nato dall’idea di Massimo Bello e scritto da Roberto Fontana.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...