Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, villa Barbara sarà la sede del nuovo Fai Valsesia

Articolo pubblicato il 01-09-2017 alle ore 12:20:27
Varallo, villa Barbara sarà la sede del nuovo Fai Valsesia 3
Villa Barbara

Sarà Villa Barbara la casa della delegazione valsesiana del Fai. In attesa della “promozione” ufficiale del nuovo gruppo, che si staccherà da quello di Novara, nei giorni scorsi è stato sancito l’accordo con il sindaco Eraldo Botta, che ha deciso di assegnare alcuni locali del piano terra ai rappresentanti locali del Fondo ambiente italiano. Attualmente, l’immobile ospita già il giudice di pace e il Fondo Edo Tempia e presto sarà rimossa dal piano delle dismissioni. «Personalmente sono molto contento della nascita del nuovo gruppo – fa sapere il primo cittadino - I suoi componenti ci hanno chiesto di avere una casa di un certo prestigio e noi li abbiamo accontentati. Tengo molto alle loro attività, in particolare alle giornate di primavera e tra l’altro sono anch’io socio». Intanto i responsabili del Fai valsesiano si preparano a prendere possesso della nuova casa: «Attendiamo la ratifica ufficiale - precisa Arduino Vettorello, uno dei decani del gruppo - ma certamente la promozione ce la siamo meritata sul campo grazie al successo delle iniziative che portiamo avanti ormai da circa dieci anni. Basti pensare che quest’anno alla giornata di primavera organizzata ad Agnona abbiamo avuto 12mila visitatori. La nuova delegazione, che si staccherà da quella novarese, coprirà un territorio che andrà da Romagnano ad Alagna, comprendendo anche Guardabosone. Uno dei requisiti per ottenere la promozione era la possibilità di avere una sede centrale storicamente significativa o a Borgosesia o e Varallo. Botta ha deciso di assegnarci in comodato d'uso gratuito un paio di locali a Villa Barbara che noi attrezzeremo e inaugureremo».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...