Notizia Oggi

Stampa Home

Varallo, il primo obiettivo di Botta è ''accorpare'' Sabbia

Dopo la nascita del nuovo ente Alto Sermenza
Articolo pubblicato il 24-06-2017 alle ore 16:03:02
Varallo, il primo obiettivo di Botta è ''accorpare'' Sabbia 3
Sabbia

L’accordo c’era, tutto era pronto per inviare la documentazione in Regione e far entrare Sabbia nel territorio di Varallo. Ma bisognava attendere prima le elezioni nella città del Sacro Monte. L'altro giorno, appena saputa la notizia della conferma di Eraldo Botta come sindaco di Varallo, il primo cittadino di Sabbia Carlo Stragiotti non ha perso tempo. «Gli incartamenti erano già pronti da giorni. Aspettavamo solo questo momento», conferma. E sul proprio profilo Facebook ha voluto ricordare l’intensa giornata di lunedì: «Ore 17. Stacco dal lavoro a Borgosesia e corro a Sabbia a far protocollare la richiesta di indizione del referendum per la fusione tra Varallo e Sabbia». Ora dopo i proclami e gli accordi trovati si parte: «Siamo ufficialmente partiti con l'iter senza perdere tempo. Ora Varallo inizierà il suo percorso, con l'approvazione del regolamento referendario e la domanda di indizione della consultazione. Decisa la data si andrà in consiglio comunale per la chiamata ai seggi. Seguiranno poi gli incontri con la popolazione varallese e sabbiese per spiegare nei dettagli il progetto ed accompagnare così i cittadini al voto». L’intento è quello di seguire la strada del nuovo ente Alto Sermenza, dove però c'è stata una fusione, non un accorpamento: «Ne approfitto per complimentarmi coi sindaci di Rima San Giuseppe e Rimasco (Mario Rosa e Gianni Tognotti) per il risultato positivo della loro consultazione referendaria sul medesimo tema». Il progetto di Varallo e Sabbia porterà nelle casse del Comune unico qualcosa come 10 milioni di euro da spendere sul territorio.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...