Notizia Oggi

Stampa Home

VIDEO: Il discorso di Re Barlan dal balcone di palazzo Gallarati

Come sempre in dialetto
Articolo pubblicato il 01-03-2017 alle ore 14:57:10
VIDEO: Il discorso di Re Barlan dal balcone di palazzo Gallarati 2
Il discorso di Re Barlan

I bambini di Ghemme potranno tornare a giocare con i pesciolini nella fontana del giardino Gianoli, chiuso per gli atti vandalici? E che dire della discarica, dopo l’inquinamento e la puzza? Quando c’era da guadagnare la volevano tutti, adesso che bisogna coprirla la canzone è sempre la stessa: chi paga è sempre Pantalone.

Parola del Re Barlan, la maschera di Ghemme che domenica pomeriggio ha declamato il suo attesissimo discorso in dialetto affacciato dal balcone di palazzo Gallarati. Ad ascoltare le parole di Massimo Quercioli, l’interprete della maschera, tanti ghemmesi, che dopo essersi fatti due risate hanno consumato la fagiolata preparata dai Rancieri. Il gruppo guidato da Andrea Sebastiani ha acceso i pentoloni in mattinata, recandosi poi all’istituto della Provvidenza per regalare dei biscotti agli ospiti. In piazza per la giornata clou della manifestazione organizzata dal comitato “Chèrnuvée dè Ghèm”, anche parecchi bambini che hanno indossato i costumi messi a disposizione da “Carnevalspettacolo”.

Il Barlan, accompagnato come sempre dalla consorte Pengin (Grazia Russo), non poteva non accennare alla situazione difficile del Comune, sull’orlo del fallimento: «Mi dicono che le finanze non vanno tanto bene. Siete pieni di debiti. Ma già 106 anni fa qui in Comune è arrivato un commissario. Me lo ricordo perché nel discorso del 1911 parlai delle tasse aumentate. Non fate stupidaggini, un commissario adesso picchierebbe giù delle stangate».

Video di Jenni Locatello

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...