Notizia Oggi

Stampa Home
Cultura

Visite guidate all'Archivio Zegna a Trivero

Appuntamento domani
Articolo pubblicato il 10-11-2017 alle ore 17:46:59
Archivio Zegna aperto
Archivio Zegna aperto

Domenica 12 novembre, in occasione della XVIª Settimana della Cultura d’Impresa, apertura straordinaria e visite guidate all’Archivio Zegna a Trivero.

Un viaggio tra tessuti che hanno fatto la storia della moda europea degli ultimi 100 anni, ancora oggi modelli vivi e attuali capaci di ispirare le ricerche creative più innovative della scena contemporanea mondiale. È un’occasione unica quella offerta dalla Fondazione Zegna che il 12 novembre, in occasione della Settimana della Cultura di Impresa aprirà al pubblico il suo imponente archivio storico, dal 2007 ospitato a Casa Zegna, scoprendone in via del tutto eccezionale anche il cuore. Una straordinaria raccolta di campionari storici, oggetto di studi e di ricerche internazionali e tutt’ora anima dell’identità dell’azienda in cui da sempre convivono tradizione e innovazione.

Visite guidate pomeridiane permetteranno di scoprire questa collezione di tessuti iniziata nel 1910 da Ermenegildo Zegna, che insieme a foto, video, documenti, disegni, racconta oltre cento anni di storia e di cultura di uno dei più importanti brand del Made in Italy. Un patrimonio che ancora oggi è parte integrante del processo creativo e produttivo del Gruppo Zegna, offrendo quotidianamente spunti, idee e nuove visioni ai suoi designer e non solo. Curatori, artisti e personalità di fama mondiale attive in ambiti culturali diversi hanno visitato l’archivio e studiato i campionari  di  tessuto in cerca d’ispirazione, come racconteranno gli archivisti durante le viste guidate che verteranno sul dialogo costante tra i tessuti di ieri e le creazioni di oggi e mostreranno alcuni dei “pezzi forti” dell’archivio, compreso uno dei fiori all’occhiello dell’intera raccolta: il tessuto Centoventimila. Un pettinato estivo di estrema leggerezza, pioneristica intuizione di Ermenegildo Zegna che con questa invenzione dei primi anni Sessanta, cui fu dedicata anche una campagna pubblicitaria, voleva creare il più fine tessuto in lana del mondo. Realizzato con 120 mila metri di filato per chilogrammo, come dice anche il nome, il Centoventimila ha anticipato il fresco di lana ed è diventato un’icona della cultura sperimentale del Gruppo. Che oggi porta avanti l’innovazione con risultati come il Trofeo Denim, recentissima invenzione d’avanguardia, un tessuto che unisce lo stile del  jeans  alle proprietà della lana: leggerezza, traspirabilità, morbidezza.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...