Notizia Oggi

Stampa Home
Politica

'Voglio votare al referendum ma non posso farlo'

La vicenda dell'ex sindaco di Vercelli Carlo Boggio
Articolo pubblicato il 12-11-2016 alle ore 07:00:49
Carlo Boggio
Carlo Boggio

C'è anche chi ha chiesto di poter votare da casa al prossimo referendum, ma non potrà farlo. A stabirlo una visita medica. E' quanto successo all'ex sindaco di Vercelli Carlo Boggio, Senatore della Repubblica dal 1976 al 1992 (4 legislature), che propone quindi una attenta riflessione.

"In data 10 novembre alle 16,30 si è presentato alla mia abitazione il Dottor Paolo Bertone dell’ASL 11 di Vercelli per costatare il mio diritto a votare a domicilio in occasione delle prossime consultazioni referendarie. Nonostante le mie pessime condizioni di salute, seguo attentamente le vicende politiche, attraverso TV e giornali. Chi frequenta i social network trova miei commenti politici anche lunghi e circostanziati. Ciò dimostra che sono in grado di interpretare i documenti legislativi, grazie all’attività di legislatore svolta per sedici anni. Credo che il Dottor Bertone pensi di applicare correttamente la legge, certamente in modo molto fiscale. Resta il fatto che io non sono minimamente d’accordo con il Dottor Bertone, il quale invitato a visitarmi o a costatare almeno i miei gravi decubiti non ha ritenuto di farlo ancorchè medico. Potrei probabilmente andare a votare in ambulanza con grave rischio non dico per la mia salute ma addirittura per la mia sopravvivenza. Non si mette in gioco la vita per un voto referendario. Per tanto non potrò votare; checchè dicano i comunicati governativi diramati dalle televisioni per il voto a domicilio"

 

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...