Notizia Oggi

Stampa Home

«Vola in alto e prenditi cura dei tuoi cari». Su Facebook l'addio ad Alessandro e Samuele

Erano giovani molto conosciuti
Articolo pubblicato il 11-04-2016 alle ore 19:47:03
Su Facebook il dolore degli amici per Alessandro e Samuele 3
Alessandro Bellia

Si contano a decine i messaggi di addio, di dolore, di cordoglio ai familiari che tra ieri e oggi sono stati postati su Facebook per i due ragazzi morti l'altra notte nel tragico incidente di Alagna. Samuele Pezzotti e Alessandro Bellia erano entrambi molto conosciuti in zona: ci sono i compagni e gli ex compagni di scuola, ci sono gli amici incontrati nel mondo dello sport, ci sono gli amici dei familiari.

Alessandro, "Ciccio" per molti amici, aveva 18 anni, era di Bornate e frequentava l'istituto D'Adda di Varallo. In passato aveva frequentato la palestra di judo a Serravalle. Sabato notte è arrivato al "Maggiore" di Novara in condizioni disperate: ieri in tarda serata è stata dichiarata la morte cerebrale, poi sono state staccate le macchine che facevano affuire sangue e ossigeno nel suo corpo, perché non c'erano più possibilità. «Rimarrai sempre "Orsacchiotto" come ai tempi della scuola...ciao Ale...», così lo saluta una ragazza.

Samuele Pezzotti aveva 19 anni a viveva a Borgosesia. Aveva frequentato il liceo linguistico e in passato aveva militato a lungo nelle giovanili della società calcistica cittadina. Dopo lo schianto di ieri notte era stato portato in un primo momento all'ospedale di Borgosesia, ma era poi subito stato trasferito a Novara. Ma le sue condizioni sono peggiorate rapidamente e, nonostante gli sforzi dei medici, ha cessato di vivere già in nottata. Anche per lui, decine di messaggi di addio. Ma il pensiero va anche a chi piange un figlio che non c'è più: «Vola in alto e prenditi cura dei tuoi cari», scrive un'amica.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...